TCG

Yu Gi Oh Master Duel mi ha stancato! – Editoriale

yu gi oh master duel shop pass guida per nabbi-min

Questo editoriale su Yu Gi Oh Master Duel si collega alla nostra ultima news uscita al riguardo, che puoi trovare a fine articolo per avere una visione un po’ più chiara della situazione.

Si parla del grosso problema che sta attanagliando Yu Gi Oh Master Duel, un problema legato alla progressione e al bilanciamento. Problema che, personalmente, mi ha fatto passare la voglia di giocarci.

Yu Gi Oh Master Duel: dall’entusiasmo al menefreghismo

Quand’è che si perde interesse in qualcosa? Quando quel qualcosa smette di poterci offrire qualunque cosa positiva in cambio. Una risata, una carica di adrenalina, una qualsiasi emozione o, perché no, un qualsiasi ritorno materiale sia economico che non. Yu Gi Oh Master Duel aveva concretamente catturato l’interesse di tutti, perché era finalmente un modo ufficiale di giocare online al gioco di carte di Konami, poi però qualcosa si è spezzato.


I fan di vecchia data di Yu Gi Oh si sono scontrati con una dura realtà, la stessa che mi aveva portato ad allontanarmi dal gioco anni fa, salvo poi tornare con Master Duel e accorgermi che, purtroppo, non è cambiato nulla. Il bilanciamento di Yu Gi Oh è il peggiore della storia dei giochi di carte, senza timore di smentita.

yu-gi-oh-master-duel
Fonte (Konami)

Il power level dei deck meta è incommentabile, mazzi in grado di chiudere una partita persino in un turno o al massimo due. Mazzi che hanno miriadi di strumenti per negare gli effetti altrui, mostri immuni a qualsiasi cosa e dal punteggio di Atk mal bilanciato (considerando la loro natura di carte immuni a tutto) e combo infinite che, spesso, trasformano un match 1v1 in un solitario.

Il tutto si va poi a sommare con una progressione paradossalmente troppo free to play, che mal si sposa con il bilanciamento del gioco. Se per vincere bisogna usare sempre i soliti due o tre deck e, in più, se ottenerli è semplicissimo e impiega poco tempo, perché mai una volta finito il deck dovrei andare avanti? Perché dovrei spendere le gemme per altri pacchetti? Perché in primis dovrei farmarle allora? Yu Gi Oh Master Duel parte alla grande, poi però si spegne molto in fretta, più di quanto ci si potesse aspettare.

Potresti pensare che comunque rimane il divertimento di giocarci. Il divertimento è soggettivo, nulla diverte tutti a priori, quindi non sta a me stabilire se sia divertente o meno giocare Yu Gi Oh Master Duel nella ladder. Una cosa però possiamo dirla, ossia che le partite sono spesso tutte uguali, uno scambio di solitari dove chi ha fatto il solitario migliore vince.

yu gi oh master duel exodia
Il deck exodia rimane un ottimo meme! – Fonte (Konami)

Allora comunque serve skill no? No, non per forza. Spesso vince banalmente chi parte per primo! Parto io, piazzo tutte le mie carte ed eseguo le mie combo e se ho tutto come si deve ho vinto subito (e non parlo delle carte trappola coperte, non per forza almeno). Perché ho vinto subito? Perché ogni cosa di importante che fa l’avversario gliela nego, lui fa un turno a mezzo regime e quando tocca di nuovo a me finisco il match. Rispetto chi si diverte così, ma a me dopo 20 ore di solitari tutti uguali è completamente passata la voglia!


Ecco perché Yu Gi Oh Master Duel ha fallito, non tanto per il client in sé ma per il gioco che ci si appoggia sopra. Se Yu Gi Oh non fa un passo indietro di almeno 8 anni nei ritmi di gioco, che già nel 2014 erano molto alti, finirà di perdere ancora più persone. E stando ai feedback degli utenti e al crollo verticale degli utenti attivi, forse è già troppo tardi.


Cosa ne pensi? Dicci la tua con un commento! Trovi la news dalla quale nasce questo editoriale cliccando qui sotto! Ricordati di seguirci anche su Instagram per non perderti i nostri speciali!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.