Speciali

Sora su Smash: Sakurai, Iwata, grazie di cuore!

super smash bros ultimate sora

Sora su Smash è stato per molti anni, praticamente quasi due decenni, il sogno proibito di tutti i fan della serie. A dirla tutta di entrambe le serie, sia Kingdom Hearts che Super Smash Bros. L’importanza di questo gesto, di questa impresa, è davvero incalcolabile pur se potrebbe non sembrare tale!

Non è solo la realizzazione di uno dei meme più longevi di sempre, è anzitutto un dispendio enorme di risorse sia artistiche che, soprattutto, economiche per far felici noi fan. Un gesto che non poteva che venire da Iwata e Sakurai. Perché nomino anche Iwata nonostante, purtroppo, ci ha lasciati più di 6 anni fa? Ecco perché.

Sora su Smash e quel sondaggio per anni occultato

Durante il periodo di lancio di Super Smash Bros per Wii U e 3DS venne fatto un sondaggio, direttamente dai produttori di Smash Bros. La domanda era semplicissima, ossia quale personaggio avremmo voluto assolutamente vedere in Smash. Chi ha vissuto internet negli anni precedenti, e anche in quelli successivi, era certo che a vincere sarebbe stata la voglia di vedere Sora su Smash. Kingdom Hearts era ancora una saga bollente a livello mediatico, e del resto intorno a quel periodo venne annunciato l’inizio dei lavori sul terzo capitolo quindi a maggior ragione la era!


smash bros sondaggio sora su smash
Il sondaggio del 2014! – Fonte (Smash direct)

Sora effettivamente vinse, ma nessuno poteva dirlo con certezza perché Iwata e Sakurai decisero di comune accordo di insabbiare, letteralmente, l’esito e non parlarne più pubblicamente. Sapevano benissimo che Sora avrebbe comportato un lungo, estenuante e costosissimo lavoro di trattativa con Square Enix e Disney. Come ha fatto notare un utente sul web, non va escluso che il simbolo di topolino sul portachiavi del Keyblade sia costato più di Sora stesso!

Iwata però fu chiaro sin da subito, non senza trovare il consenso del collega e amico Sakurai: Sora su Smash si deve fare, ma portando avanti lavori e trattative con la massima riservatezza. Sia per non mettere pressioni a Square, che aveva decisamente il coltello dalla parte del manico, sia per non metterle a se stessi in una situazione così tanto delicata.

Gli anni passavano, ma di Sora non c’era alcuna traccia. A ogni Smash direct la speranza di vedere Sora su Smash tornava, per poi riandarsene vedendo la Bayonetta o il Joker (Persona 5) di turno. Un andazzo durato per anni, fino a ieri pomeriggio.

Non sto piangendo, mi è entrata una firaga in un occhio

Ora consentimi un secondo di levarmi, momentaneamente, l’uniforme del giornalista per mettermi quella del fanboy. Io ho pianto, pianto letteralmente, ieri pomeriggio. Lo so che può sembrare una scemenza, va bene tutto, ma quando vuoi fortemente qualcosa e quella cosa arriva è difficile tenersi.

Sora su Smash è un selling point effettivo per il titolo? In realtà sì, perché Kingdom Hearts è un brand estremamente conosciuto e molto amato da una grossa fetta di utenti. Non dimentichiamoci inoltre che svariati capitoli della saga sono usciti originariamente su console Nintendo, tra GBA, DS e 3DS, quindi un’ottima fetta di fan probabilmente è pro Nintendo e quindi ha Switch.


sora su smash costumi
ci sono proprio tutte le versioni! – Fonte (Smash direct)

Se consideriamo anche l’uscita, tramite cloud gaming, della Kingdom Hearts saga per intero su Nintendo Switch (annunciata assieme a Sora su Smash) ecco che il cerchio si chiude. Tornando al discorso Super Smash Bros Ultimate, Sora come pg sembra essere anche estremamente buono da giocare, versatile e ideale anche per chi ha iniziato da poco (testuali parole di Sakurai, che in questo lo ha differenziato dagli altri pg DLC più adatti a utenti esperti).

Personalmente ho ancora in testa la versione orchestrale di Simple and Clean, una delle ost più belle del mondo videoludico a mio avviso, che tanto ci ha fatto emozionare ieri durante l’annuncio di Sora su Smash. Con tanto di grafica apposita, stavolta non un “joins the fight” o simili, ma un mai più adatto “is FINALLY here”. E mi piace pensare che, da lassù, vedendo la sua ultima missione compiersi si sia commosso anche Iwata. Grazie di cuore, perché questo piccolo grande sogno ora è realtà, ed è merito vostro! Un grande grazie, però, anche a Square Enix e Disney, che per quanto dubito abbiano “svenduto” i diritti d’autore per Sora su Smash sono certo che, se ci è voluto così tanto, probabilmente avranno accettato dei compromessi. Quindi grazie a tutti, and may your heart be your guiding key!


Cosa ne pensi di Sora su Smash? Anche tu ne sei rimasto felice? Dicci la tua con un commento! Puoi trovare il nostro ultimo speciale cliccando qui sotto!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.