Speciali

Klonoa Phantasy Reverie Series: Demo provata!

Klonoa Phantasy Reverie Series demo gameplay

Klonoa Phantasy Reverie Series (Klonoa remastered per gli amici) è sempre più vicino al rilascio e, per farci ingannare l’attesa, Bandai Namco ha deciso di rilasciare una Demo di questa piccola collection! C’è solo un problema, la demo è disponibile unicamente per il mercato giapponese.

Una volta rispolverato il mio account giapponese sono quindi riuscito ad avere accesso alla Demo, potendola provare per un paio d’ore in lungo e in largo. Ecco le mie impressioni al riguardo!

Klonoa Phantasy Reverie Series: vale la pena?

Poter provare una Demo come nel caso di Klonoa Phantasy Reverie Series è cosa rara negli ultimi anni, e quasi sempre si tratta di produzioni provenienti dal Giappone. Dalla Demo ci si può fare un’idea sulla validità del titolo, se vale la pena o meno acquistarlo. In tal senso, quella di Klonoa è convincente?


Da quel poco che si può provare direi decisamente di sì! Klonoa Phantasy Reverie Series si presenta come un’esperienza platform leggera, dinamica e frizzante sin dal primo momento. Come dissi anche nell’analisi su Kirby e La Terra Perduta, il ritmo di gioco alto in questi titoli è un fattore fondamentale, un tratto ritrovabile anche in Klonoa!

Klonoa Phantasy Reverie Series ci presenta infatti da subito le sue meccaniche principali. Oltre al salto, che con le orecchie di Klonoa può essere prolungato rimanendo sospesi in aria per un paio di secondi, abbiamo anche modo di lanciare piccole sfere di energia a breve gittata. Se colpiamo delle bolle con dei collezionabili le rompiamo per raccoglierli, se invece colpiamo dei nemici invece di eliminarli li raccoglieremo, tenendoli sopra la nostra testa.

Klonoa Phantasy Reverie Series demo gameplay combattimentojpg
Fonte (Bandai Namco)

Una volta raccolto un nemico possiamo lanciarlo in tutte le direzioni laterali, anche verso lo sfondo del livello e verso la “telecamera”, oppure ripremere il tasto usato per catturarlo per lanciarlo verso il basso mentre si salta, effettuando così un doppio salto e potendo raggiungere oggetti o collezionabili altrimenti troppo in alto.

Da giocare è infinitamente più semplice che da leggere, come spesso capita con questi titoli, e il tutto contribuisce al ritmo del quale si parlava prima. Si è costantemente impegnati nel fare qualcosa, che sia raccogliere o lanciare nemici o nell’effettuare una serie di salti.

Klonoa Phantasy Reverie Series ha una Demo divisa in due parti, finora mi sono riferito a quella del primo capitolo ma c’è anche una Demo del secondo che ha un ritmo di gioco persino più alto, con ancora più azioni e combinazioni di queste ultime, anche se ho avuto la sensazione che fosse leggerissimamente meno responsivo del primo. In generale se si amano i platform sarà impossibile non amare i due Klonoa.


Klonoa Phantasy Reverie Series demo gameplay Klonoa 2
Fonte (Bandai Namco)

Oltre al puro gameplay non mancano alcune chicche. Anzitutto le due difficoltà: la Normal è esattamente come era l’esperienza originale, mentre la Easy aumenta sensibilmente la gittata della sfera di energia, aumenta i cuori e rende infinite le vite. Detta così la Easy può sembrare game breaking, e lo sarebbe se non fosse che i checkpoint sono spesso molto punitivi. Inoltre, la gittata aumentata per catturare i nemici fa molto comodo e rende più fluida l’esperienza di gioco.

Considerando quale sarebbe lo scopo principale del gioco, ossia divertirsi un po’ magari anche staccando la spina un minimo, non sentirti in difetto nel giocare in Easy. Se proprio non ti piace l’idea però, ovviamente puoi cambiare in qualsiasi momento la difficoltà e valutare quella più adatta a te!

Un’ultima chicca è, per quanto riguarda il primo capitolo, il filtro pixel per renderlo quasi identico alla versione PS1… almeno in teoria. Chiaramente l’effetto che ne viene fuori è di un gioco reso sgranato, non di un gioco al quale è stata abbassata la risoluzione, però come dico sempre meglio un’opzione in più che una in meno, alle brutte se non la si apprezza la si ignora.

Klonoa Phantasy Reverie Series demo gameplay rotaier
Fonte (Bandai Namco)

Ultimo appunto sulla fluidità e sul lato tecnico. Su Nintendo Switch è giocabilissimo ma, a volte, soffre di qualche calo di framerate. Nulla di compromettente, anche se si spera venga tutto rifinito. Su PS5 invece nessun problema, il gioco rimane sempre solidissimo sui 60 fps, cosa prevedibile del resto ma ci sono remastered che su PS5 non tengono i 21 quindi andava precisato (vero Chrono Cross???)

Klonoa Phantasy Reverie Series in definitiva è un gioco ancora molto valido, non direi mai che è invecchiato male o cose simili. Fa sicuramente molto old school questo tipo di scorrimento orizzontale però con prospettive 3D, un po’ come succedeva anche con Pandemonium, però ha molto fascino e di certo non ha smesso di funzionare come formula. Sarebbe anzi carino rivederne di progetti simili, anche solo per spezzare la monotonia del solo 2D o solo 3D dei tempi moderni. Demo promossa!


Cosa ne pensi? Dicci la tua con un commento! Ricordati di seguirci su Instagram per non perderti i prossimi speciali, trovi uno degli ultimi usciti cliccando qui sotto!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.