Speciali

Ghost ‘n Goblins remake: resurrezione o flop clamoroso?

ghost 'n goblins remake personaggi copertina

Ghost ‘n Goblins remake è finalmente arrivato su Nintendo Switch! L’annuncio ha fatto scendere la lacrimuccia a tutti i nostalgici (e non), ma è davvero tutto oro quel che luccica? Al netto di fan e detrattori, Io l’ho provato. Se vuoi sapere cosa ne penso mettiti comodo e vieni con me. Ah, non dimenticarti l’armatura, là fuori menano di brutto!

Ghost ‘n Goblins remake… Resurrection!

Ghost and Goblins remake è un titolo uscito in esclusiva su Nintendo Switch. Non è la prima volta che Capcom ci regala queste operazioni nostalgia (alzi la mano chi non ha provato Mega Man 11), tuttavia, decidere di investire in questo tipo di progetti comporta sempre grossi rischi. Stiamo parlando di un titolo che è uscito nel 1985, con il seguito (Ghost n Ghouls – NDR) che ha visto la luce tre anni dopo, nel 1988.

Ghost ‘n Goblins remake è una figata! Le colonne sonore sono tipicamente a tema cavalleresco e aiutano moltissimo a calarsi nel personaggio. Nintendo Switch ti permette di giocare a 1080p in modalità fissa, mentre in portable la grafica scala a 720p. Non ci sono incertezze, nessun calo di frame rate, tearing o problemi vari. Molto godibili i colori e le animazioni. Se non hai ancora la Switch, potresti guardare sul sito di Amazon e portartene a casa una! (tranquillo, non ti costa nulla, ma ci daresti una zampa!)


ghost 'n goblins remake fulmine sir arthur montagne
Temi i miei fulmini, marrano? – Fonte (Capcom)

Detto questo, la ricetta di Ghost ‘n Goblins remake è piuttosto semplice: prendi i primi due capitoli della serie, li metti insieme, aggiungi un pizzico di modernità e il piatto è pronto. Sir Arthur deve indossare nuovamente l’armatura per andare a salvare la sua compagna, ma stavolta le cose si fanno decisamente più complicate: un demone l’ha rapita e, per riaverla, dovrai fronteggiare orde di nemici pronti a tutto per impedirtelo. Io ti avviso: prepara il calendario!

Il Ghost ‘n Goblins più difficile di sempre

Il primo impatto con Ghost ‘n Goblins remake è stordente. Il feedback restituito dai comandi di Nintendo Switch fa sembrare la levetta analogica piena di colla. Non ti preoccupare, non ti sta driftando il Joy-Con, stavolta è colpa dei dev! La vedi l’armatura di Sir Arthur? Gli elementi che la compongono ti fanno sentire un salame mal legato, ma sono l’unica difesa che hai contro tutto ciò che ti sta correndo incontro per ucciderti. Non hai un minimo di respiro: concentrati, libera la testa da ogni pensiero e porta a termine il lavoro!

Ghost and Goblins remake mostra ben presto la sua nuova formula: se a tratti può sembrare un classico platform, con tutti i problemi del caso inerenti ai movimenti limitati, per gran parte del tempo assume i connotati di un run and gun “play hard” con qualche elemento gdr. L’armatura si spacca progressivamente dopo ogni attacco subito, fino a far rimanere Sir Arthur letteralmente in mutande (simpatiche, per altro 😀 ). Senza protezioni, vieni shottato al primo colpo.

ghost 'n goblins remake fiamme lance sir arthur
Attento lì che brucia! – Fonte (Capcom)

Se ti stai chiedendo dove sia l’elemento gdr di Ghost ‘n Goblins remake, ti accontento subito: Capcom ha ideato un albero delle abilità che ti permette di cucirti addosso il champ come preferisci. Per alzare le skill non dovrai spendere px, ma raccogliere insetti luminosi all’interno dei livelli di gioco. Se vuoi Sir Arthur orientato al combattimento, puoi fare in modo di avere più armi da utilizzare, viceversa se vuoi potenziare la magia, puoi sbloccare nuovi incantestimi.

Il livello difficoltà di Ghost ‘n Goblins remake è scalabile: la modalità Paggio è una sorta di tutorial che ti permette di sbagliare tutto lo sbagliabile. Se muori respawni da dove sei stato eliminato, il numero dei nemici è notevolmente inferiore e l’armatura assorbe molti più danni. Consiglio spassionato: lascia perdere questa modalità, ti fa giocare male e non impari nulla. Discorso molto diverso per le altre tre: Scudiero, Cavaliere e Leggenda sono molto più fedeli al gameplay originario, ma anche qui non esagerare perché altrimenti ti demoralizzi e nient’altro.


Il paragone tra Ghost ‘n Goblins remake e il passato non ha senso

Ghost ‘n Goblins remake non accontenta tutti. I vecchi giocatori potrebbero dire che certi elementi non hanno nulla a che vedere con i primi due capitoli. Allo stesso tempo, gli odierni hardcore gamers potrebbero pensare che non c’è ragione di riproporre un gioco concettualmente antiquato. Penso che entrambe le idee siano in parte valide, tuttavia, ritengo che sia ora di smetterla di criticare sempre tutto a prescindere.

Ghost 'n Goblins remake switch lite fabrizio
Sono povero: non ho il Game Capture!

Personalmente, di Ghost ‘n Goblins remake non mi piace la difficoltà appositamente esasperata, e questo perenne “vai e spacca” con nemici dal moveset totalmente randomico. Giocando ai vecchi capitoli, infatti, devi ragionare di più e imparare i movimenti degli npc per uscirne vivo. Ma, da fan della saga, non posso non apprezzare il livello grafico e la possibilità di poterlo riprovare nel 2021 con una console portatile. Rispolverare un franchise che girava sui cabinati del 1985, svecchiarlo e ripresentarlo su Nintendo Switch: perché no?

Se ti fossi perso le ultime novità della grande N, ecco qui l’articolo sull’ultimo Nintendo Direct!


Hai provato Ghost and Goblins remake? Lasciaci un commento qui sotto, oppure passa a trovarci sui Social!

Chi l'ha scritto?

Fabrizio Bianchini

Nabbo da una vita senza saperlo. Amante dei racing game, nintendiano convinto e appassionato di musica anni '80.