Speciali

Cyberpunk 2077 non ha assolutamente nulla di ruolistico!

cyberpunk 2077 sfondo

In questi giorni se ne sono sentite di tutti i colori su Cyberpunk 2077, ma è arrivato il momento di cominciare a chiudere questo cerchio. Da qui in avanti, i prossimi articoli saranno incentrati solo sull’aspetto ludico del titolo. Dei bug e dei problemi di ottimizzazione, del resto, ne abbiamo già ampiamente parlato!

Non ci sarà una vera e propria recensione, quanto piuttosto degli approfondimenti su alcuni aspetti di Cyberpunk 2077, che personalmente trovo cruciali in un gioco del genere. Oggi si parte con la ruolistica di Cyberpunk, un qualcosa che era stata promessa come centrale, ma che si è rivelata del tutto assente.

La più grande carenza in tal senso è la quasi totale assenza di scelte realmente morali, di modi per scrivere la storia del proprio V. Un’assenza pesante e che rende Cyberpunk 2077 per certi versi molto mediocre. Ecco perché.


Cyberpunk 2077: l’illusione della scelta

Una delle prime cose che saltano all’occhio, guardando o giocando Cyberpunk 2077, è la presenza di risposte multiple nei dialoghi. In giochi del passato, due su tutti Fallout e Mass Effect (i primi), adottare certe risposte o comportamenti aveva un enorme peso.

Oltre a un palese sistema di Karma, come quello di Fallout, si aveva realmente modo di scrivere la propria storia all’interno del mondo di gioco. Non esattamente un Interactive Drama, alla Heavy Rain o Detroit Become Human, ma qualcosa di simile. Ovviamente si trattavano di percorsi previsti dal gioco, ma che erano realmente vari e diversificati.

cyberpunk 2077 arma panam overwatch cover
Fonte (CD Projekt Red)

Questa caratteristica non rendeva la scrittura o la coerenza narrativa meno avvincente e solida, anzi ne era un valore aggiunto. In Cyberpunk 2077, che si presterebbe divinamente a questa struttura, è tutto quanto profondamente illusorio. Puoi fare delle scelte, ma esse non cambieranno l’esito della situazione o della storia.

Tante vie, un solo risultato ottenibile

Ti faccio un esempio che ti chiarirà cosa intendo. Immagina di avere una strada davanti a te, con molte corsie, e alla fine di questa strada ci sta un tunnel rosso. Di norma, in un gioco come quelli prima citati, alla fine di ogni corsia o trovavi un tunnel di colore diverso oppure, perché no, una sfumatura diversa dello stesso colore.

In Cyberpunk 2077 no, ci sta un gigantesco tunnel raggiungibile con ogni singola corsia. Possono cambiare le macchine che abbiamo davanti, può cambiare il trovare o meno una buca, può cambiare che una sia più trafficata. Non cambierà che il tunnel che si andrà a imboccare sarà sempre e solo quello.


Il Karma non esiste, sia parametrico che non

Altra enorme mancanza è l’assenza di scelte possibili nel mondo di gioco. Non è un dramma se un personaggio principale, cruciale nella main quest, non possa essere ucciso. Però è assurdo che anche gli npc irrilevanti per la narrativa principale siano inattaccabili.

Si è sempre parlato di ruolistica no? Mettiamo caso io volessi ruolare l’assassino psicopatico, che accetta gli incarichi, li porta a termine e poi uccide chi mi ha commissionato l’incarico. In un vero GDR open world di questo stampo, alla Fallout appunto, sarebbe possibile.

cyberpunk 2077 cut content
Fonte (CD Projekt RED)

In Cyberpunk 2077 queste scelte, di solito collegate a un sistema di Karma inteso sia come valore (buono o cattivo) che non (alcuni personaggi cambieranno approccio con noi), sono del tutto assenti. Non esiste il mio V, il tuo V o il V di qualcun altro, esiste soltanto il V pensato da CD Projekt Red.

Inaccettabile? No se si parlasse di un gioco story driven standard, che avrebbe quindi i dialoghi a risposta multipla come chicca per rendere più interattivo il tutto. Ma questo è un GDR, dei creatori di The Witcher!

cyberpunk 2077 dev finito gioco 175 ore
Fonte (CD Projekt RED)

Cyberpunk 2077 è la definizione di occasione mancata. Immaginate Cyberpunk 2077 con il sistema di Karma e scelte di un Fallout, o anche solo con la possibilità di ruolare personaggi diversi, in etica e carattere, perlomeno nelle interazioni minori. Avrebbe dato una salienza maggiore anche a Night City stessa.

Senza quella profondità, lo stesso mondo di gioco risulta una bacheca di quest bella da vedere, nulla di più. Io personalmente speravo in questa profondità. Da giocatore ho sempre amato il concept di Fallout, ma era la giocabilità che non me lo faceva apprezzare. Cyberpunk 2077 ha una grande giocabilità, ma fallisce nel resto. Davvero un grande peccato.


Sapevi che è da poco uscita una nuova patch per Cyberpunk 2077? Trovi tutti i dettagli sulla 1.06 sul sito ufficiale!

Se ti sei perso tutti i nostri precedenti approfondimenti su Cyberpunk, puoi recuperarli cliccando qui!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.