Speciali

Crash Bandicoot 4: la redenzione del brand!!!

Crash 4 it's about time

Activision, nella giornata di ieri, ci ha mostrato per la prima volta Crash Bandicoot 4: It’s About Time, per PS4 e Xbox One/Series X. Un gioco che vale molto di più di quello che sembra, in quanto un’autentica redazione per il brand! Ecco perché.

Il riscatto di Crash Bandicoot

Torniamo indietro nel tempo, di ben 19 anni. Era la fine del 2001 e le console di nuova generazione (dell’epoca) erano da poco uscite. Era, insomma, il debutto di PlayStation 2 e Gamecube. Spesso una nuova gen significa non solo nuove IP, ma anche nomi illustri del passato che tornano. Crash Bandicoot era uno di questi.

Naughty Dog, a causa del passaggio a Sony come studio first party, perse i diritti di Crash, all’epoca nelle mani di Universal. Si decise quindi di affidare lo sviluppo del quarto capitolo a Traveller’s Tales. Uno studio ancora inesperto all’epoca, nonostante anni dopo scalarono le classifiche delle vendite coi titoli a tema Lego (si sono quasi tutti opera loro).


Però a inizio anni 2000 non erano forse pronti per sviluppare un titolo con le pretese di Crash. Nonostante ciò, il quarto capitolo effettivo di Crash fu effettivamente il loro. Conosciuto in occidente come Crash Bandicoot: The Wrath of Cortex. In Giappone, però, Universal lo vendette col nome di Crash Bandicoot 4: Sakuretsu! Majin Power.

Crash Bandicoot 4: la redenzione del brand!!!
Questo era uno dei livelli di Crash Bandicoot: The Wrath of Cortex – Fonte (Youtube @Ecdt1089)

Canonicamente, quindi, la serie ha già avuto un Crash Bandicoot 4, uscito per PS2, Gamecube e Xbox. Senza mezzi termini, fu un disastro. Vendette bene, perché l’utenza amò la prima trilogia, ma rimasero tutti profondamente delusi. Troppi bug, troppi problemi e un gameplay estremamente noioso.

Quello fu l’inzio della fine per il brand, che divenne uno zimbello videoludico, fino alla “rinascita” con il remake dei primi 3 capitoli. About Time però non è un remake del primo Crash 4, è un nuovo quarto capitolo. Il quarto capitolo che sarebbe dovuto essere, ma che non fu mai.

Finalmente un nuovo, vero, Crash Bandicoot

Da giocatore cresciuto con i platform, ho quasi pianto vedendo il trailer di Crash Bandicoot 4: It’s About Time. Colorato, frenetico, comprensivo di tutte le migliori meccaniche dei platform. In aggiunta a tutto ciò, la nuova meccanica del controllo del tempo, che rinnova bene ed elegantemente la serie.

Non mancano riferimenti ai primi capitoli, come le classiche corse in direzione dello schermo, con un nemico che ci rincorre. O anche le sezioni simil 2D da platform classico, che spezzano bene il gameplay.


Finalmente abbiamo il vero Crash Bandicoot 4! Sono passati solo quasi 20 anni in fondo, quindi aspettiamoci molti preordini… compreso il mio 🙂


Voi che ne pensate di questo nuovo capitolo di Crash? Diteci la vostra con un commento!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.