Call of Duty Sparatutto

Warzone: bannati altri 30 mila account

warzone leak sniper

La lotta di Activision e Raven Software contro i cheater di Warzone continua: nelle ultime ore gli sviluppatori del battle royale più in voga del momento hanno salutato altri 30 mila account.

Una delle piaghe più pericolose per il successo del gioco sta finalmente incontrando la strenua resistenza del team di sviluppo: meglio tardi che mai!

Warzone: nuova ondata di ban

I creatori di Warzone hanno finalmente preso il toro per le corna: i cheater che si divertono a rovinare le partite di streamer e giocatori normali non stanno avendo vita facile negli ultimi giorni.


Solo ieri, Raven Software ha bannato 30 mila account di hacker e altri giocatori che utilizzano trucchi. Quest’ondata di ban ha seguito quella del 7 aprile, in cui il team di sviluppo aveva cancellato da Verdansk più 15 mila account.

Finalmente funziona l’anti-cheat? Sembra proprio di sì. Dopo mesi e mesi di promesse, Activision sta regalando ai giocatori quello che gli spetta: un ambiente di gioco sano e pulito, senza furbetti che si divertono a rovinare il gioco delle altre persone.

Questi sforzi basteranno a ripopolare Verdansk? In questo articolo vi avevamo raccontato l’abbandono del gioco, da parte di famosi streamer, proprio a causa del problema dei cheater mal gestito dagli sviluppatori.

Se la situazione dovesse continuare a migliorare però, mai dire mai: Warzone potrebbe tornare ai fasti di un tempo!


Cosa ne pensi? Scrivicelo qui sotto con un commento!


Chi l'ha scritto?

Tommaso Ballarini

Appassionato di esport e sport, ha trovato in nabbi.it il luogo adatto per trattare i moltissimi titoli esport che segue.