Overwatch Sparatutto Speciali

Overwatch 2 Beta: rework o ribilanciamento? Parliamone

Beta di Overwatch 2 tracer

Overwatch 2 è oramai entrato nella sua ultima fase di Closed Beta, con il rilascio ufficiale previsto per il 18 Luglio! Ho avuto la possibilità di giocarla negli ultimi giorni, non senza qualche difficoltà perché non giocavo OW da più di 2 anni e, detto con grande franchezza, definirmi arrugginito sarebbe tirarmela!

Prestazioni da nabbo completo a parte, alle quali sto pian piano mettendo una pezza riprendendo confidenza con le meccaniche, questo Overwatch 2 è un degno rework del primo capitolo? Vediamolo insieme!

Overwatch 2: tanto 1, poco 2

Partiamo da un presupposto molto semplice: non avendo giocato per diverso tempo il primo capitolo, non saprei dire con assoluta precisione quanto di differente ci sia tra le ultime patch e Overwatch 2. Quello che invece so di sicuro è che chiamarlo rework mi sembra un pelino esagerato.


Tutti i personaggi che ho giocato anche io l’ultima volta, quindi fatta esclusione per quelli usciti o reworkati durante la mia assenza, li ho trovati tali e quali. Sì, magari sono stati ribilanciati danni o tempi di ricarica di alcune abilità, magari sono stati ribilanciati i danni di base o le Ultra, ma le meccaniche in senso stretto sono rimaste le stesse.

Tracer, Widowmaker, Mei, D.Va, Mercy e diversi altri i personaggi classici hanno le stesse abilità e le stesse caratteristiche rispetto all’ultima volta. Ripeto, potranno esser stati ribilanciati ma non abbastanza da essere definiti reworkati.

Beta di Overwatch 2
Il personaggio simbolo del gioco! – Fonte (Blizzard)

Lato bilanciamento sì, almeno per quanto riguarda la comparazione con la mia personale ultima volta su Overwatch, ho notato diverse differenze. Personaggi che ricordavo essere molto forti ora lo sono meno, altri che invece lo erano meno ora sono più prestanti. Idem vale per alcune abilità e alcune Ultra, più di qualcosa ha ricevuto un tuning riveduto e corretto.

Il gioco in sé ha gli stessi pregi e difetti di Overwatch. Grande peso al gioco di squadra, soprattutto per quanto riguarda la suddivisione dei ruoli, e ovviamente alle capacità individuali dei singoli giocatori. Overwatch 2, esattamente come il suo predecessore, premia molto la skill e punisce parecchio chi è meno pratico. Allo stato attuale della Beta il livello di sfida medio è abbastanza alto, a tratti molto alto, ma è normale.

Parliamo di una versione di gioco che, per essere ottenuta, richiedeva una mobilitazione degli utenti nell’iscriversi alla Closed Beta, è una cosa che fanno quasi solo i fan se si tratta di un gioco che, alla fine, sarà messo comunque gratis per tutti. Non si tratta di scroccare un modo gratuito per provare un gioco e valutare se pagarlo all’uscita, si tratta di tenerci a giocarlo un po’ prima. E se si è fan, quasi sicuramente si è anche molto bravi in quel gioco.


Io, non andrò a mentire, l’ho fatto quasi esclusivamente per potertene parlare, per poter dare delle prime impressioni sullo stato attuale del gioco (attualmente abbastanza afflitto anche da bug di piccola entità, come personaggi che a tratti parlano italiano e a tratti inglese). Ecco quindi perché nelle prime partite ho solo preso ceffoni a destra e sinistra, salvo appunto riabituarmi un minimo e smettere di essere un totale peso morto!

Beta di Overwatch 2 lucio
Fonte (Blizzard)

Sicuramente è presto per poter dire se Overwatch 2 varrà o meno la pena di essere giocato a lungo termine, ma tanto sarà gratis quindi provalo a tua volta al lancio e fatti un’idea in caso! Al momento parliamo sicuramente di un titolo valido anche per questo motivo, però da qui a definirlo un rework a 360° di Overwatch 1… no, decisamente non proprio.


Cosa ne pensi? Dicci la tua con un commento se ti va! Ricordati di seguirci su Instagram per non perderti i prossimi speciali, trovi uno degli ultimi usciti cliccando qui sotto!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.