Fortnite Sparatutto

Ninja è passato a Youtube: più di 100mila spettatori alla prima diretta!

youtube ninja fortnite

È passato meno di un mese dalla chiusura di Mixer. Completamente a sorpresa, la piattaforma streaming di Microsoft ha cessato di esistere. E tutti si sono subito domandati che fine avrebbe fatto Ninja: il colpaccio di mercato di Mixer.

Lo abbiamo scoperto ieri sera, quando Tyler “Ninja” Blevins è tornato a streammare sul suo canale Youtube!

Ninja è su Youtube in esclusiva oppure no?

Le indiscrezioni riguardanti il passaggio di Ninja su Youtube, hanno iniziato a inseguirsi giorni fa. Ieri pomeriggio, però, è stato proprio il re degli streamer a dare segnali interessanti. Come il post “un’ora” sul suo account Twitter.

Sessanta minuti dopo questo post, in effetti, Tyler Blevin ha iniziato una diretta proprio sul suo canale Youtube. Insieme a TimthTatman, Courage e DrLupo. Centinaia di migliaia di persone li hanno visti giocare live e milioni di altre hanno seguito lo show in differita. Se volete unirvi a loro, ecco qui sotto tutta la diretta!


L’unico mistero ancora da risolvere, riguarda gli impegni presi da Ninja con il colosso dell’intrattenimento digitale. Già, perché secondo Rod “Slasher” Breslau, il ventinovenne non ha siglato nessun accordo di esclusività. E, probabilmente, continuerà a fare le cose completamente in proprio.

Quando riesci a raggiungere un picco superiore ai 285mila abbonati su Twitch, come fatto da Ninja nel marzo 2018, non hai bisogno di pubblicità. E anche io, se fossi famoso come lui, farei tutto “da solo”. Che uno di questi giorni Ninja possa tornare anche su Twitch? Di certo non lo farebbe da figliol prodigo, ma da stella assoluta.


Dove preferite guardare gli streamer: Youtube o Twitch? Dite la vostra!

Chi l'ha scritto?

Luciano Luca Grassi

Nonostante i 33 anni suonati, si sente ancora giovane. Quantomeno dentro. Fondatore e direttore di Nabbi.it, ama i GDR a turni e odia il click-bait. Non smetterà di lavorare fino a che non avrà coronato il suo più grande sogno: riportare il concetto del divertimento al centro del media videoludico.