Fortnite Sparatutto

Fortnite: l’evento “Il Dispositivo” mette fine alla Stagione 2 e sostituisce la tempesta!

fortnite capitolo 2 stagione 3

Dopo settimane di rumor, ritardi e rinvii, cala il sipario sull’evento conclusivo della Stagione 2 di Fortnite Capitolo 2. “Il Dispositivo” ha segnato ancora una volta numeri da record e non solo sulle piattaforme streaming: è stato l’evento non musicale più lungo della storia del titolo di Epic Games.

Ma cosa è successo? Cosa si è scatenato sulla mappa? Scopriamolo subito!

Fortnite “Il Dispositivo”: tutte le novità!

Tutto è cominciato con l’avanzare della tempesta. La bufera ha lentamente accerchiato l’Agenzia, scatenando il Dispositivo di Mida. Quest’ultimo è riuscito a ricacciarla indietro, portando contemporaneamente i giocatori presenti sul posto in una quarta dimensione non specificata.


In questo universo alternativo, il personaggio è in prima persona (un possibile indizio di un futuro da FPS per Fortnite?) e si trova in un ufficio, con dei file top secret sulla scrivania.

Con il ritorno della tempesta, ancora più violento, il Dispositivo di Mida ha ripetuto il processo, respingendo il temporale e rimandando i giocatori nell’Ufficio.

In quest’ultimo frangente, scopriamo trovarci nell’ufficio di Epic Games, dove, fuori dalla nostra stanza, si discute del collegamento tra gli eventi di Fortnite.

Al ritorno dei giocatori sull’isola, il temporale gigantesco è stata sostituito da un’altissima marea. Sarà questa la nuova “tempesta” da cui guardarsi le spalle durante le partite.

Ecco il video completo dell’evento dal punto di vista di Pow3r:


Cosa si può fare e cosa non nell’alta marea? Quest’ultima, infatti, non si comporta esattamente come la tempesta, anche se la sua funzione è la stessa.

Tra le gigantesche onde, non si può costruire e non si possono utilizzare gli elicotteri. Tuttavia, potrete costruire sopra di esse, ammesso che riusciate ad arrivare così in alto.

Senza ombra di dubbio è più crudele della tempesta: anche a causa dell’obbligo di nuotare, sembra impossibile resistere per molto al suo interno, anche se l’acqua ti spinge verso la zona sicura.


Vi ha convinto questo cambio di look per la tempesta? Fatecelo sapere con un commento!

Chi l'ha scritto?

Tommaso Ballarini

Appassionato di esport e sport, ha trovato in nabbi.it il luogo adatto per trattare i moltissimi titoli esport che segue.