Call of Duty Sparatutto Speciali

Call of Duty esclusiva Xbox? No, ma quasi – Editoriale

call of duty 2022 sequel

Call of Duty esclusiva Xbox? La smentita ufficiale arriva direttamente da Phil Spencer, che nella serata (italiana) di ieri ha assicurato che CoD non si muoverà da PlayStation, comunicando l’intento di Microsoft personalmente al direttivo di Sony (che probabilmente avrà tirato un grosso sospiro di sollievo).

Questo però non significa che la posizione di Sony in questa situazione sia comoda, anzi tutt’altro! Hanno infatti di fronte una grossa minaccia per il mercato dei fan di CoD, e quella minaccia si chiama Xbox Game Pass.

Call of Duty esclusiva Xbox a metà con il Game Pass

Il fatto che Call of Duty uscirà, da ora in poi, al Day 1 in un abbonamento come l’Xbox Game Pass è da capogiro, se pensiamo al numero di utenti che gioca questa serie da anni con grande costanza. L’appuntamento annuale con CoD è praticamente quasi come quello con FIFA; però una discriminante di recente ce l’ha avuta: un grosso calo di utenza attiva dopo pochi mesi dal lancio.


L’epoca d’oro della CoD mania, iniziata con il primo Modern Warfare, è oramai decisamente lontana e l’utenza attiva è sempre meno. Non parliamo neanche lontanamente di flop commerciali, né sto dicendo che se ora mi connettessi online per giocare Vanguard non troverei nessuno, perlomeno non è il caso delle versioni console. Però indubbiamente la serie ha vissuto momenti migliori, questo è poco ma sicuro.

call of duty zombie arma
La leggendaria pistola laser di CoD! – Fonte (Treyarch)

Cosa succede se un gioco come CoD finisce in un abbonamento sottoscritto da decine di milioni di giocatori? Beh, diventerebbe sicuramente una delle giostre principali di questo parco divertimenti, con un livello di “popolazione” dei server forse senza precedenti. Questo perché CoD, anche nelle sue iterazioni peggiori, non è mai stato un videogioco non godibile. Bene o male, se si apprezzano un minimo gli fps, con CoD ci si diverte sempre almeno un po’.

Inoltre, ora che la pandemia sta scemando un minimo rispetto a due anni fa, il minor tempo a disposizione delle persone potrebbe cambiare le loro esigenze, da match lunghi come quelli di Warzone a partite molto più rapide, mordi e fuggi, come quelle dei CoD tradizionali. Il tutto con un titolo che su Xbox è incluso in un abbonamento, quindi molto più giocato, e su PlayStation costa 80 euro con conseguente minor numero di utenti.

Quindi sì, Call of Duty non è magari esclusiva Xbox, però ci sono davvero pochi dubbi su quale delle due console convenga comprare per giocarlo. Inoltre Call of Duty da anni è un po’ una porta di ingresso per il mondo dei videogiochi, per il passaggio da casual gamer a gamer effettivo. Quindi magari si inizia con Call of Duty, poi si passa a Monster Hunter, poi si prova Halo Infinite, poi si sperimenta un Fallout e così via. Il tutto, dal punto di vista dell’adolescente medio che gioca a CoD, senza andare dal papà a dire “mi compri un altro gioco a 60, 70 o 80 euro?”. Perché? Sempre perché è tutto incluso nel Game Pass.

stagione 2 di warzone vanguard
Warzone ovviamente rimane gratis e multipiattaforma non temere! – Fonte (Activision)

In chiusura, va affrontato l’argomento XCloud su PlayStation per giocare a CoD con il Game Pass. Mi chiedo onestamente quante delle persone che lo chiedono abbiano giocato a Call of Duty, ma la sola idea di giocare un fps, online, con il pad, in Cloud e con dei server che sicuramente saranno saturi mi mette angoscia. Ma se a loro piace lanciare una granata e vederla partire nella partita successiva, beh, allora contenti loro contenti tutti!



Cosa ne pensi di Call of Duty su Game Pass? Se volevi prendere la PlayStation per giocarlo, hai cambiato idea o passerai comunque a PS5? Dicci la tua con un commento se ti va! Ricordati di seguirci su Instagram per non perderti i prossimi speciali, trovi quello consigliato cliccando qui sotto!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.