Sparatutto

Borderlands 3: il terzo DLC “Taglia di Sangue” esce il 25 giugno, il nuovo raid…

Borderlands 3 taglia di sangue new dlc

Esattamente come previsto, la puntata del Borderlands Show di ieri è stata rivelatoria: sono stati presentati il nuovo DLC ma anche il nuovo Raid in arrivo su Borderlands 3! Se adorate cowboy e bestioni preistorici, Taglia di Sangue: per un Pugno di Redenzione sarà il vostro contenuto preferito del looter-shooter Gearbox 🙂

Basta Yellowcake e OPQ: arrivano i contenuti nuovi!

Se non siete ancora riusciti a mettere le mani sullo Yellowcake, oppure sull’incredibile O.P.Q, non disperate! A parte che secondo me verranno nerfati a breve, ma come al solito, con l’arrivo di contenuti nuovi le armi vecchie verranno superate da qualche new entry.

E visto che le novità in arrivo sono tante, stanno per arrivare tante nuove bocche da fuoco! Già, perché il 4 giugno potremo iniziare ad affrontare la Strage alla Breccia del Guardiano: la nuova mappa più difficile del gioco. Che a Wotan l’Invincibile piaccia o meno.


Mentre il 25 giugno tutti i possessori di Season Pass o Super Deluxe Edition potranno scaricare e giocare il terzo DLC. Tutti gli altri dovranno pagarlo ma di solito ne vale la pena. In Taglia di Sangue: per un Pugno di Redenzione, ci sarà dato il compito di ricostruire la cittadina di Vestige in una cornice in stile vecchio West.

Ma per non farci dimenticare che stiamo giocando a uno dei videogame più folli sul mercato, non mancheranno sorprese, animali strani e co-protagonisti stranissimi! Se avete un PC, un Mac, Google Stadia oppure una fra PS4 e Xbox One, date una chance a Borderlands 3 ma fate attenzione: dà dipendenza!


State già giocando Borderlands 3? Io sto squagliando tutto a Caos 10 grazie alla mia amata Moze! Se avete dubbi o domande, chiedete pure!

Chi l'ha scritto?

Luciano Luca Grassi

Nonostante i 33 anni suonati, si sente ancora giovane. Quantomeno dentro. Fondatore e direttore di Nabbi.it, ama i GDR a turni e odia il click-bait. Non smetterà di lavorare fino a che non avrà coronato il suo più grande sogno: riportare il concetto del divertimento al centro del media videoludico.