Call of Duty Guide per Nabbi Sparatutto

Qual è l’arma iniziale migliore in Call of Duty MW2 2022?

Guida per Nabbi call of duty mw2 2022 migliore arma iniziale-min

Call of Duty MW2 2022 esce oggi e molti appassionati stanno già tastando con mano questo nuovo CoD, divertendosi sia nella Campagna che ovviamente nel Multiplayer sempre piuttosto ricco di modalità. Nelle primissime ore è ovviamente impossibile avere tutto l’armamentario sbloccato, quindi bisogna necessariamente arrangiarsi con le armi iniziali e le build predefinite.

Che si sia giocatori della prima ora oppure giocatori veterani, una domanda nasce spontanea: qual è l’arma e più in generale l’equipaggiamento migliore per iniziare nel Multiplayer del nuovo CoD MW2? Vediamolo insieme!

call of duty modern warfare 2 2022
Fonte (Activision)

L’M4 è l’arma iniziale perfetta in Call of Duty MW2 2022

Un approccio classico nei primi giorni/nelle prime settimane dei Call of Duty è quello di puntare su dei fucili d’assalto, questo perché offrono un ottimo equilibrio tra portata, mobilità e velocità di fuoco. In Call of Duty MW2 2022 la situazione non è diversa, e il motivo è molto semplice.


I fucili d’assalto danno modo di sperimentare più o meno tutte le dinamiche di gioco, partendo dall’assalto sfrenato fino ad arrivare alle kill di posizionamento (termine tecnico: camperare), il tutto con le inevitabili sfumature intermedie in termini di stile di gioco. Partire con i fucili d’assalto risulta quindi estremamente utile, soprattutto per chi inizia ora a giocare a un CoD, in quanto permette di capire quale sia il proprio stile preferito per poi virare, successivamente, su armi più specifiche e che capitalizzano al meglio su modi di giocare specifici (mitragliette per assalti frontali o fucili di precisione per il posizionamento, per fare due esempi veloci).

Tra le build iniziali la prima è quella basata proprio sull’Assalto con in dotazione un M4 come arma primaria e un fucile a pompa come arma secondaria. Si tratta di un’eccellente build iniziale, sia per l’avere in dotazione un fucile d’assalto e sia perché ha come perk la rigenerazione della salute a kill eseguita. L’M4 poi, a mio modestissimo parere, è anche una signora arma in senso assoluto e non solo in ottica di inizio gioco, potrebbe rivelarsi anzi valida pure dopo diverse ore di gioco!

Call of Duty Mw2 2022 m4 build predefinita
Per intenderci, questa qua! – Fonte (Activision)

Ha letteralmente tutto: gittata, precisione, potenza di fuoco e anche una buona mobilità. Ovviamente non eccelle davvero in nessuna di queste caratteristiche, perché come detto i fucili d’assalto si posizionano nel mezzo, a differenza di armi più sbilanciate verso l’una o l’altra caratteristica.

Le statistiche dell’arma ad ogni modo possono anche essere puntellate con l’utilizzo di accessori di un certo tipo, andando a comporre quella che di fatto è la build dell’arma, però almeno all’inizio conviene fare affidamento su quelle predefinite, non avendo ovviamente sbloccato poi molto dopo poche partite.

Serve una mano anche in altri giochi? Trovi tutte le Guide per Nabbi che vuoi!

Call of Duty MW2 2022 è un gioco nuovo a tutti gli effetti, e si sa che i CoD comunque un pochino vengono ribilanciati in modo sempre diverso a ogni release, quindi anche se sei un giocatore più esperto non è male come idea partire dall’M4 e capire quali sono gli stili più “meta”.


Da quel poco che ho potuto vedere in queste prime ore, aggiungendo anche quelle che ho speso sulla Beta, l’Assalto puro potrebbe essere una scelta ottimale, dato che il fuoco a bruciapelo è molto efficace in questo CoD. Sono comunque impressioni preliminari che avremo modo di approfondire in seguito, quindi continua a seguirci per non perderti i prossimi speciali e le prossime guide su Call of Duty MW2 2022!


Cosa ne pensi? Dicci la tua con un commento! Ricordati di seguirci su Instagram per non perderti i prossimi speciali, trovi alcuni degli ultimi articoli usciti qui sotto!

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.