News

Un brevetto svela l’interfaccia di PlayStation 5 e non solo!

PlayStation 5 interface leak

A un giorno di distanza dall’evento che ci farà dare una prima occhiata ai giochi PlayStation 5, potremmo aver scoperto qualcosa di più sulla nuova ammiraglia Sony. Sì, perché sono apparsi in rete degli scatti riguardanti un brevetto, depositato proprio dalla compagnia giapponese, che mostrano in anteprima l’interfaccia della PS5.

L’interfaccia di PlayStation 5 è un’evoluzione di quella che abbiamo su PS4

L’impatto non sarà sconvolgente, visto che l’idea alla base di quello che vedremo è chiaramente la stessa avuta su PlayStation 4. Avremo ancora una volta una barra principale orizzontale, sotto alla quale andranno ad espandersi tutti i servizi collegati alla finestra scelta.

brevetto PlayStation 5
Più opzioni ma il succo è quello!

La differenza principale è data da due fattori: avremo più scelte e un processo di machine learning sarà sempre pronto ad aiutarci. Non riesci a sconfiggere l’ennesimo boss di un Dark Souls qualsiasi? Torna nella Home di PS5 e avrai tutti i suggerimenti che vuoi per farcela. Con tanto di video di chi già ci è riuscito!


brevetto PlayStation 5
I suggerimenti saranno testuali ma anche in video: impossibile non finire i giochi su PS5!

E scordatevi quelle pagine profilo praticamente inutili! Adesso la console traccerà anche le nostre statistiche in-game, per permetterci di fare i belloni, oppure di vergognarci con i nostri amici. Si va dal classico ratio uccisioni-morti negli sparatutto, al livello del proprio personaggio, ai punti conquistati… fino alla percentuale di progresso di un gioco story-based e chissà cos’altro!

brevetto PlayStation 5
click to zoom!
brevetto PlayStation 5
click to zoom!
brevetto PlayStation 5
click to zoom!

Manca sempre meno all’evento di presentazione dei giochi PlayStation 5 e quindi anche alla “diretta della diretta” sul nostro canale Twitch Nabbipuntoit. Vedremo anche l’interfaccia in azione oltre ai giochi?

Chi l'ha scritto?

Luciano Luca Grassi

Nonostante i 33 anni suonati, si sente ancora giovane. Quantomeno dentro. Fondatore e direttore di Nabbi.it, ama i GDR a turni e odia il click-bait. Non smetterà di lavorare fino a che non avrà coronato il suo più grande sogno: riportare il concetto del divertimento al centro del media videoludico.