News

Twitch banna parole come “vergine” e “simp”

twitch-logo

Twitch continua a rimanere nell’occhio del ciclone del mondo videoludico/streaming. Dopo la vicenda DMCA, che ha cambiato radicalmente l’approccio della piattaforma alla musica, il servizio Amazon ha deciso di bannare parole come “simp“, “vergine” e “incel“.

Questi termini sono ovviamente solo un esempio e rientrano all’interno di una nuova regola specifica delle linee guida di Twitch.

Twitch: nuovo aggiornamento delle condizioni di utilizzo

Negli ultimi mesi, Twitch è stata al centro di diverse discussioni riguardo la linearità e coerenza delle sue linee guida, cruciali per streamer e utenti che lavorano grazie alla piattaforma.


L’ultimo grande dibattito si è consumato intorno alla questione DMCA che ha sostanzialmente cancellato sottofondi musicali sia nelle stream che nei giochi trasmessi dagli streamer. Ne avevamo avuto abbastanza per il 2020? No, perché con Twitch le sorprese non finiscono mai.

Prima di dare il benvenuto al 2021, infatti, la piattaforma di Amazon ha deciso di aggiornare un’ultima volta le linee guida della community, apportando modifiche alla sezione dedicata alle molestie sessuali proibite da Twitch.

La nuova stringa aggiunta alla categoria è la seguente: “Making derogatory statements about another person’s perceived sexual practices or sexual morality“.

Dal 2021, dunque, non sarà possibile esprimere opinioni dispregiative nei confronti della moralità sessuale o dell’attività sessuale di un’altra persona. Questo include appellatitivi comunemente considerati volgari ma anche termini come “vergine”, “simp” e “incel”.

Nella clip sottostante, Sara Clemens, COO della piattaforma, riassume la nuova regola e cita gli esempi.


La reazione della community non si è fatta attendere: la maggior parte degli streamer ha ridicolizzato la scelta, non tanto per la nuova linea guida in sé, ma per gli esempi offerti dalla piattaforma. In particolare la parola simp, molto leggera e usata spesso ironicamente, ha sollevato molte critiche da parte di utenti e creators.


Esagerazione oppure no? Fatecelo sapere con un commento!

Chi l'ha scritto?

Tommaso Ballarini

Appassionato di esport e sport, ha trovato in nabbi.it il luogo adatto per trattare i moltissimi titoli esport che segue.