News

Studente giapponese arrestato: voleva bombardare la sede di Konami!

konami hq bomb threat

I problemi di connessione sono il più grande terrore dei videogiocatori. Sì, perché basta un attimo di schermo freezato per perdere una partita. Anche la migliore della tua vita. Solitamente, la reazione più comune del player medio è quella di lasciarsi andare al rage. Ma in Giappone c’è chi è andato ben oltre!

Galeotto PES Mobile e chi lo scrisse

Tra il 16 e il 18 giugno, uno studente giapponese ha detto, e ripetuto, che avrebbe fatto saltare in aria la sede centrale di Konami. A scoprire i dettagli di questa incredibile storia sono stati due siti nipponici abbastanza conosciuti: Yomiuri e Mainichi.

E se siete a caccia di dettagli, sappiate che il ragazzo, di appena 16 anni, è impazzito per colpa di PES Mobile. O meglio, per avere perso una partita, a causa dei server “ballerini” su cui si appoggia il titolo calcistico.


Sono sicuro che una cosa del genere sia capitata a tutti i gamer, almeno una volta nella vita. Ma sono certo anche del fatto che nessuno di voi abbia mai minacciato atti terroristici per vendetta!

L’anonimo studente giapponese, invece, ha voluto precisare le sue intenzioni nei commenti di PES Mobile, nello Store del suo cellulare. Iniziando con la promessa di far saltare per aria il quartier generale di Konami, per poi dilettarsi nell’eliminare tutti gli impiegati e, infine, concludendo che anche in Giappone il terrorismo è possibile.

Scherzo di cattivissimo gusto, o meno, il ragazzo è stato cercato, trovato e arrestato. Mentre Konami, per dormire sonni più tranquilli, ha aumentato la sicurezza attorno alla propria sede centrale. Prevenire è meglio che curare, anche dall’altra parte del mondo 🙂


Siete dei flamer oppure dei moralizzatori? Parliamone sui social!

Chi l'ha scritto?

Luciano Luca Grassi

Nonostante i 33 anni suonati, si sente ancora giovane. Quantomeno dentro. Fondatore e direttore di Nabbi.it, ama i GDR a turni e odia il click-bait. Non smetterà di lavorare fino a che non avrà coronato il suo più grande sogno: riportare il concetto del divertimento al centro del media videoludico.