News

Il 4 giugno Famitsu farà un annuncio letteralmente “rivoluzionario”!

famitsu logo original

Benvenuti alla sagra dell’hype! Sì, perché il giornalista di Famitsu Zenji Nishikawa ha detto che il suo articolo del 4 giugno rivoluzionerà il mondo dei videogiochi. E visto che siamo tutti affamati di novità sulla next-gen, non vediamo l’ora che qualcuno ci traduca il pezzo!

“Uno scoop grande come quello dell’annuncio di PS5”

Grazie ai valenti traduttori di Gematsu, tutto il mondo è stato messo al corrente di una potenziale bomba videoludica. Ed è naturale che, ora, tutti i riflettori dei media siano puntati sulla redazione di Famitsu.

Zenji Nishikawa si è lasciato sfuggire qualcosina, ma il sospetto è che si fosse già studiato tutto, durante l’ultima live sulla propria pagina Youtube. Se conoscete il giapponese, peraltro, potete anche rivederla tutta qui sotto.


Se capite il giapponese, la parte interessante inizia poco dopo le 2 ore e 7 minuti!

Per tutti gli altri, ecco un riassunto delle sue parole in italiano: «Il mio prossimo pezzo su Famitsu è follia. Ho uno scoop enorme… una prima mondiale… se vi chiedete quanto sia grande lo scoop… è veramente grande! È una notizia su una compagnia che tutti amano ed è uno scoop tremendo – poi Nishikawa ha provato a fare un paragone facile da capire – ricordate lo scoop di Wired su PlayStation 5? Siamo a quei livelli. Ho intervistato staff e dirigenza di una certa società e ho scoperto cose rivoluzionarie… sarà una rivoluzione! È uno scoop grande come quello dell’annuncio di PS5!».

E sebbene i dettagli siano meno che pochi, io non posso fare altro che salire sul treno dell’hype guidato da Nishizawa-san: CIUFF CIUUUUF!!!


SEGA sta per lanciare Dreamcast 2? Apple ha in mente una console? Sony svelerà a sorpresa una nuova portatile, magari una sorta di PS4 ibrida? Avete tempo per sognare fino al 4 giugno: cosa sognate che venga svelato? Parliamone sui social!

Chi l'ha scritto?

Luciano Luca Grassi

Nonostante i 33 anni suonati, si sente ancora giovane. Quantomeno dentro. Fondatore e direttore di Nabbi.it, ama i GDR a turni e odia il click-bait. Non smetterà di lavorare fino a che non avrà coronato il suo più grande sogno: riportare il concetto del divertimento al centro del media videoludico.