News

Google Trends: Among Us è il gioco più cercato del 2020

among us google trends

La fine di questo sciagurato 2020 è vicina: prima di metterlo definitivamente in soffitta, però, è tempo di dedicarci alle classifiche globali di Google Trends, alla scoperta di cosa hanno cercato di più le persone su Google quest’anno.

In ambito videoludico, corona ad Among Us: se c’era qualche dubbio sul suo primato nel 2020, Google Trends lo ha chiarito. Secondo posto per il redivivo Fall Guys mentre VALORANT si aggiudica la terza piazza. Diamo un’occhiata alla classifica dell’anno.

Google Trends: Among Us 1°, Warzone solo nono

Tra le moltissime classifiche dei giochi annuali, quella di Google Trends è senza ombra di dubbio la più democratica. I giochi sono posizionati in base alle ricerche su Google nel corso dell’anno, dando a tutti (anche involontariamente) la possibilità di “votare” per il loro titolo preferito.


Quest’anno la corona va ad Among Us, il gioco che, più di tutti, ha rotto la parete della “casualità“, riuscendo a raggiungere un pubblico solitamente poco avvezzo ai videogiochi. Non sorprende, dunque, vederlo in alto: tra agosto e settembre era una vera e propria mania.

Secondo posto, un po’ a sorpresa, per Fall Guys, un altro titolo che è emerso soltanto in estate: nonostante i sei mesi di svantaggio su altri giochi, il battle royaleplatform è riuscito a conquistare un sacco di giocatori. Paga a caro prezzo l’assenza sul mercato mobile, grande punto di forza di Among Us. Un’altra vittoria per il titolo di Innersloth nella sfida tra i giochi indie dell’anno.

Procediamo veloci con il resto dei giochi.

3. VALORANT: lo sparatutto tattico di Riot Games si ferma soltanto di fronte ai successi globali di Innersloth e Mediatonic. La campagna marketing delle beta keys ha contribuito moltissimo, così come l’inizio delle competizioni esport.

4. Genshin Impact: non al livello di Fall Guys o Among Us (per via della sua natura meno casual) ma comunque uno dei giochi più popolari dell’anno. Nominato gioco dell’anno da Apple, Genshin Impact è riuscito a generare più di 245 milioni di dollari in un mese.


5. The Last of Us 2: il grande vincitore dei Game Awards conquista solo il quinto posto nelle classifiche di Google. Davanti a lui giochi free to play o quasi: sarà stato questo il motivo dell’assenza sul podio? Tutto sommato, visto il genere e la rigiocabilità, gli sviluppatori di Naughty Dog non hanno nulla da recriminarsi.

6. Ghost of Tsushima: il grande rivale di TLOU2 mangia la polvere ancora una volta. A livello generale, però, stesso discorso di The Last of Us.

7. FIFA 21: un pilastro di Google Trends, ogni anno centra la Top 10.

8. Animal Crossing: uscito nella prima parte dell’anno (a differenza di diversi giochi davanti a lui) il titolo di Nintendo poteva forse sfruttare meglio il vantaggio temporale.

9. Warzone: la grande delusione della classifica. La modalità che ha riportato in auge Call of Duty e che ha rinnovato l’esperienza battle royale conquista solo un nono posto.

warzone invisibilità bug
La nuova isola di Warzone – Fonte (Activision)

10. Dragon Quest Walk: videogioco di ruolo in realtà aumentata sviluppato da COLOPL e pubblicato da Square Enix, uscito soltanto in Giappone.


Sorpresi da questa classifica di Google Trends? Fateci sapere la vostra nei commenti!

Chi l'ha scritto?

Tommaso Ballarini

Appassionato di esport e sport, ha trovato in nabbi.it il luogo adatto per trattare i moltissimi titoli esport che segue.