LoL MOBA Speciali

LoL Ranked: il matchmaking è truccato?

LoL Ranked Matchmaking penalità afk e dodge

Benvenuto Evocatore a questo articolo dedicato al matchmaking delle LoL Ranked! Dopo la nostra guida su come migliorare il proprio farm, andiamo a parlare delle partite classificate e su come queste risultano spesso frustranti. 

Oggi andremo a parlare dei sistemi di matchmaking, MMR e LP che regolano le LoL Ranked. Cercheremo di capire come funzionano queste fantomatiche strutture e come puoi truccare il mazzo a tuo favore, per renderti la scalata più facile e meno tiltante.

Prima di entrare nel vivo, sappi che se questo argomento non ti interessa, oppure se le classificate non fanno per te, puoi dare un’occhiata alle nostre altre guide su League of Legends.


Questo articolo è utilissimo per i novizi del gioco, ma anche i veterani potrebbero imparare qualcosa. Ora bando alle ciance e andiamo a scoprire tutto quello che si nasconde dietro il matchmaking delle LoL Ranked!

Il matchmaking deve ottimizzare l’engagement?

Prima di entrare nello specifico del mondo delle LoL Ranked andiamo a fare un piccolo preambolo generale su quello che è il matchmaking dei giochi multigiocatore. Su questo argomento c’è uno studio molto interessante. Se vuoi informarti personalmente puoi trovarlo qui e giungere alle tue conclusioni, è solamente in inglese sfortunatamente.

L’obiettivo di questa ricerca è capire cosa spinge il giocatore ad allontanarsi e a smettere di schiacciare il tasto play. Essenzialmente si è andato a vedere quale sia il Churn Rate (possibilità che il gioco venga lasciato a prender polvere) dopo una sessione di tre partite. I risultati hanno evidenziato che questo è basso quando si conclude con una vittoria dopo aver perso o pareggiato due volte. Invece, questo ratio è altissimo quando ci si ritrova in una serie di sconfitte, il che è ovvio se le prendi non ti diverti. Però, è interessante che dopo una serie di vittorie il Churn Rate è simile a quello di una serie di sconfitte.

LoL Ranked Rav Jhin Syndrome
A tutti capita di trovare elementi speciali nelle proprie LoL Ranked, e Rav è un documentarista esperto sul tema. – Fonte (Rav https://www.youtube.com/channel/UCtyjKSJa-3kMbCSjjOCLq2A)

Quindi, questo studio ci porta a capire che quello che vuole il giocatore è una sfida e non semplicemente vincere. Non importa perdere, fa parte del gioco, ma è molto piacevole terminare la giornata con una succosa vittoria.

Questo sistema di matchmaking ottimizzato per far tornare il giocatore non è dimostrato che sia implementato su LoL, dopotutto chi vorrebbe sapere che le proprie partite siano truccate? Però, sappiamo che alcune LoL Ranked sono molto più facili di altre, per mettere questo concetto in numeri (stimati) possiamo dire che il 20-25% delle partite sono perse, il 20-25% sono vinte e il 50-60% sono determinate da come giocherai tu e tutto potrebbe succedere.


LoL Ranked: MMR e PL

Ora sai che effettivamente ci sono partite più facili e più difficili, e possiamo andare a capire come funzioni il matchmaking delle LoL Ranked.

Su League of Legends esiste il sistema di Leghe e PL che tutti conosciamo e vediamo. Questa struttura è facile da comprendere, ci sono diverse leghe e tu devi scalarle e guadagni e perdi punti in base a come vanno le tue partite.

Il sistema dei PL è governato dall’MMR, cioè un sistema nascosto (noi non possiamo vederlo) che è essenzialmente un numero che definisce quanto sia forte un giocatore. Più questp valore è alto più sei forte. Se sei curioso e vuoi avere una stima di quale sia il tuo MMR basta un click.

Inoltre, questo punteggio non è direttamente legato al tuo rank, cioè puoi essere in Bronzo con un MMR da Argento e viceversa. Questo valore determina anche quanti LP guadagni e perdi per partita, se ti devi trovare più in alto ne guadagnerai 20-30 per vittoria e ne perderai 10-15 per sconfitta. Invece, se ti devi trovare in un rank più basso avrai un’emorragia di PL finché il gioco non riuscirà a metterti dove crede sia giusto.

Questo sistema ha diversi problemi, ma ce n’è uno che fa soffrire tutti i giocatori di League of Legends. Per farla breve: i PL cambiano in continuazione e crescono molto velocemente, però l’MMR sale e scende molto più lentamente. Quindi, è facile scalare le Leghe per poi trovarsi bloccati a guadagnare pochissimi PL e a perderne molti. Questo non rende la scalata difficile, ma piuttosto la rende stagnante soprattutto quando arrivi a perdere più punti di quanti ne guadagni.

LoL Ranked Rank Banner
La scalata delle LoL Ranked sarà sempre difficile, ma se ci metti testa e impegno ce la fari di sicuro! – Fonte (Riot)

LoL Ranked: cos’è la Loser Queue

Anche tu ti sarai trovato in una situazione in cui hai un’emorragia di PL, ed è in questo momento che entra in gioco la temutissima Loser Queue. Questa è essenzialmente una serie di partite in cui il mazzo è truccato contro di te, cioè i tuoi compagni sono più deboli e i nemici sono più forti (di MMR) e questo rende la partita praticamente impossibile da carriare e vincere.

La Loser Queue viene attivata quando il gioco vede che il tuo MMR non rispetta il rank in cui ti trovi e quindi cerca di riportarti al rank in cui “dovresti stare”. E, fa questo rendendo le tue LoL Ranked un inferno.

Comunque, non devi perdere le speranze perché esiste la Winner Queue. Questa entra in gioco quando il sistema vede che il tuo MMR è più alto del Rank in cui ti trovi e quindi ti butta dentro in partite facili per spararti a razzo dove ti dovresti trovare.

Le tue LoL Ranked faranno un po’ ping pong tra queste due code con lunghe pause di coda normale, dove tutto è possibile. Quindi, non ti preoccupare troppo, subirai l’ inferno della Loser Queue ma finirà e tutto tornerà alla normalità.

Ora hai capito cosa sono questi fantomatici e temuti concetti. E possiamo dire che il matchmaking di League of Legends non è bilanciato nel vero senso della parola, anzi ci siamo trovati tutti in partite assolutamente non carriabili. E, con questa nota possiamo andare al prossimo argomento: il Dodging.

L’opinione sul matchmaking delle LoL Ranked poco filtrata di Tyler1!

LoL Ranked: l’arte del Dodging

Alle partite perse in partenza c’è una soluzione: il Dodging, cioè non giocare proprio! Con Dodging si intende uscire dalla Lobby di Selezione dei campioni prima che inizi la partita. Certo così facendo perderai un po’ di PL, ma ti eviterai mezz’ora di tilt e soprattutto questo non intacca l’MMR. Con questo metodo la tua winrate dovrebbe salire di 2-3 punti percentuali senza paura.

Ti stai chiedendo quando dodgiare e cosa definisce una partita persa in partenza? Allora per capirlo hai bisogno di informazioni e per raccattarle puoi utilizzare siti come op.gg oppure app come Porofessor e Blitz.gg (possono essere molto utili ti consiglio di utilizzarle). Ad esempio, ti sarai trovato un giocatore che ha appena perso tre partite ed è tiltatissimo, lo vuoi evitare come se avesse la lebbra e gli strumenti appena citati ti diranno “attento questo qui non ci sta con la testa adesso”. Come risposta dodgia subito, quella partita sarà difficilissima.

Ora per renderti la vita più facile ti lascio una lista di situazioni in cui dodgiare:

  • I tuoi compagni iniziano a flammarsi in Selezione Campioni, SCAPPA!
  • Il tuo team non ha tank o è completamente AD, SCAPPA!
  • Qualcuno sta provando un nuovo champ in LoL Ranked (feccia della feccia per la cronaca), SCAPPA!
  • Uno o più dei tuoi compagni si trovano in una serie di sconfitte, oppure hanno una winrate penosa, SCAPPA!
  • Uno o più compagni sono autofillati, cioè non giocheranno nel loro ruolo principale, SCAPPA!

Certo il Dodging non è una cosa bellissima ma ti renderà la vita più facile e nei cinque minuti di attesa puoi venire a leggere le nostre Guide per Nabbi, per essere preparatissimo alla prossima partita.

In conclusione possiamo dire che il matchmaking delle LoL Ranked è tecnicamente truccato, ma alla fine è funzionale e non è truccato contro di te op nel senso negativo della parola. Semplicemente non è perfetto e potrebbe e andrebbe migliorato.


Cosa ne pensi del matchmaking delle LoL Ranked? Conoscevi già il Dodging? Facci sapere tutto nei commenti!

Dai anche un’occhiata alla nostra ultima Guida per Nabbi per migliorare il proprio farm su League of Legends.

Chi l'ha scritto?

Riccardo Pizolli

Avido videogiocatore sin dalla tenera età, cresciuto con platformer, Neverwinter Nights e Warcraft III. Modellista sperperatore che per la gioia del proprio portafoglio si è innamorato degli immensi universi di Warhammer 40k e Warhammer Fantasy. Attualmente è ancora alla disperata ricerca della propria copia di Yoshi's Island, dispersa anni orsono.