LoL MOBA

LoL – Guida a Gwen: abilità, rune e build

gwen lol

Gwen è finalmente sbarcata sulla Landa con la patch 11.8, assieme a moltissimi altri cambiamenti intriganti per l’ecosistema di League of Legends.

Prima di lanciarti a capofitto in toplane con la Sacra Ricamatrice, però, meglio leggere qualche consiglio utile sulle abilità, le rune e gli oggetti preferiti del nuovo champ di LoL. Ecco tutto quello che devi sapere su Gwen!

Guida a Gwen: abilità

Come da tradizione partiamo dalle abilità di Gwen, l’aspetto più importante di tutto il kit di ogni nuovo campione. La Sacra Ricamatrice è un solo laner, principalmente da toplane (per ora) ma utilizzabile anche nella corsia centrale.


Le sue abilità le permettono di tradare aggressivamente con gli autoattacchi nonostante il focus sul danno magico, offrendo uno stile di gioco molto particolare.

  • PassivaDono Tagliente: gli attacchi base di Gwen infliggono danni magici bonus sul colpo in base a una percentuale della salute massima dei suoi nemici. Gli attacchi base contro i campioni la guariscono di parte dei danni inflitti.

Come dicevamo, grande potenziale di trading e focus sugli autoattacchi. Non sarà certo un campione da Bramasangue ma la Passiva le permette di gestire con successo gli scontri a breve raggio.

  • Q – Zac, zac!: Gwen fa scattare rapidamente le forbici da due a sei volte, infliggendo danni magici in un’area a cono. Gwen taglia un minimo di due volte, aggiungendo uno scatto delle forbici per ogni attacco base messo a segno contro un nemico (fino a sei). I nemici al centro di ogni taglio subiscono danni puri.

Un’altra sinergia con gli autoattacchi: più si colpisce l’avversario e più aumentano i danni di una Q seguente.

  • W – Sacra Nebbia: Gwen evoca e si circonda di Sacra Nebbia per cinque secondi, ottenendo armatura e resistenza magica mentre è al suo interno. I nemici fuori dalla Nebbia non possono bersagliare Gwen o colpirla con le abilità. La Nebbia si sposta per seguirla la prima volta che cerca di abbandonarla, ma si dissolve la volta successiva.

Ottimo strumento anti-gank e di resistenza in generale, utilissimo ad aumentare le capacità di sopravvivenza del campione.

  • E – Drittofilo: Gwen scatta per una breve distanza e potenzia i suoi attacchi con gittata, velocità e danni magici sul colpo aumentati per quattro secondi. Attaccare un nemico durante questo periodo ripristina il 50% della ricarica di questa abilità.

Sia un dash (potenzialmente anche difensivo) che un’altra opzione di trading e kill potential.


  • R – Ricamo Fatale: Gwen può lanciare Ricamo Fatale fino a tre volte, ma deve colpire un nemico entro 8 secondi per poter sbloccare ogni lancio successivo. Ogni volta che lancia questa abilità spara in una linea degli aghi che infliggono danni magici, rallentano i nemici e applicano i danni magici bonus di Dono Tagliente.

    Il primo lancio spara solo un ago, il secondo ne spara tre e l’ultimo ne spara cinque, per un totale di nove aghi e nove applicazioni di Dono Tagliente ai nemici colpiti.

L’Ultimate è sicuramente l’abilità più complicata da utilizzare e richiede condizioni adeguate per traerne la massima efficacia. Nonostante ciò, alla Sacra Ricamatrice mancava giusto un elemento per essere decisiva in teamfight: eccolo qui.

gwen lol artwork
Ti piace l’artwork di Gwen? – Fonte (Riot Games)

Guida a Gwen: rune

Gwen è un solo laner duellante che ama gli scontri ravvicinati e i trade prolungati. Se conosci League of Legends, avrai già capito qual è la sua runa preferita: il Conqueror.

Viriamo dunque sullo skill tree “Precisione “e come runa principale prendiamo quella bella ascia dorata amata da moltissimi toplaner. A seguire, consigliamo Presence of Mind (che risolve i problemi di mana di Gwen) e la classica combo Legend: Alacrity e Coup de Grace.

Per il secondo ramo di rune, invece, sbizzarrisciti come meglio credi. Noi abbiamo scelto “Ispirazione” per i biscottini ma puoi virare su Dominazione. Per finire, non dimenticare velocità d’attacco e AP!

gwen-rune-lol
Il Conqueror è sicuramente la runa preferita di Gwen!

Se sei alla ricerca di una build alternativa, invece, puoi virare sulla Presa dell’Immortale (Grasp of the Undying). Gwen versione semi-tank potrebbe trovare una nicchia interessante in futuro e il focus sugli autoattacchi le permette di sfruttare a dovere il Grasp.

Guida a Gwen: build

Studiate le abilità e preparate le rune, manca solo la build! Come ogni combinazione di oggetti che si rispetti, non c’è versione migliore di quella che si può costruire di partita in partita, a seconda di avversari e compagni.

Nonostante ciò, le prime settimane di PBE hanno suggerito già qualche build interessante.

Partiamo dal Mitico: Everfrost sembra la scelta più sensata al momento e non solo perché è lo strumento AP più forte del gioco. Lo slow garantisce un po’ di CC aggiuntivo al kit di Gwen, decisamente scarno in quel reparto.

Altre opzioni sono il Riftmaker e il Frostifre Gauntlet anche se il secondo richiede una build un po’ più tankosa.

Per quanto riguarda gli oggetti leggendari, invece, Gwen ama il Dente di Nashor, la Zhonya e il Cosmic Drive, utile per spammare abilità. Ad ogni modo, quasi ogni strumento AP potrebbe fare al caso suo: dipende da partita a partita. La Sacra Ricamatrice ha un kit molto versatile che la può spingere quasi ad essere un assassino (Lich Bane in questo caso) o anche un tank.


Hai capito qualcosa in più su Gwen? Scrivici ulteriori dubbi qui sotto!

Stanco dei soliti campioni fatati e umani? Riot Games ha promesso nuovi umanoidi e creature nel prossimo futuro: clicca qui per leggere il nostro articolo a riguardo.

Chi l'ha scritto?

Tommaso Ballarini

Appassionato di esport e sport, ha trovato in nabbi.it il luogo adatto per trattare i moltissimi titoli esport che segue.