GDR Speciali

Palworld A Mente Fredda: è Davvero un Buon Gioco?

palworld starter pal

Come è naturale che sia tutto l’hype per Palworld si è oramai abbassato e non poco, dopo un periodo post lancio semplicemente di fuoco per il titolo di Pocket Pair. Le polemiche su una potenziale violazione dell’IP di Pokémon hanno di fatto alimentato il fuoco in questione, portando Palworld a circa 12 milioni di giocatori su PC e pochi meno su Xbox con il Game Pass.

A distanza di quasi un mese però cosa resta di Palworld? C’è effettivamente dell’arrosto dietro al fumo? Vediamolo insieme.

Palworld semplicemente funziona a fatica, in quasi tutti i sensi

Faccio una premessa perché di facili polemiche se ne potrebbero fare tante: pur essendo un fan di Pokémon mi piace anche Palworld, e onestamente della questione copyright infranto o meno mi interessa gran poco perché non è affar mio, non sono né dipendente né avvocato di The Pokémon Company. Volendo insistere le premesse sarebbero due, perché la seconda è che Pocket Pair ovviamente ha avuto un budget e una forza lavoro nemmeno paragonabile con quelli di Game Freak. Detto questo, Palworld è un gioco rotto.


Ho letto online da un utente, ed è una definizione che trovo azzeccata, che Palworld sia una bug mess piuttosto divertente da giocare, ma solo nelle prime ore. Tutto estremamente vero e aggiungo giusto una postilla pignola, ossia che il divertimento non è oggettivo e quindi potrebbe non essere nemmeno così tanto divertente per alcuni utenti. A me come detto ha divertito senza problemi, ma questo mio divertimento non è durato poi molto.

Palworld Guida per Nabbi come ottimizzare l'early game forziere passo 1-min
Fonte (Pocket Pair)

Palworld come gioco parte molto bene ma poi non prende una direzione precisa, diciamo che per certi versi “pretende” che il giocatore esplori in lungo e in largo senza una meta definita. Nel Game Design degli Open World inserire costantemente destinazioni da raggiungere, main quest e side quest ben chiare è un mezzo per far esplorare la mappa al giocatore, per portarlo in punti specifici della mappa che altrimenti potrebbe non vedere mai. Da sviluppatore ogni cosa che fai vuoi che venga usata o perlomeno vista, a seconda della presenza o meno di interazioni, e se non guidi il giocatore un minimo va dove meglio crede senza criterio, col rischio che si stanchi di girare a vuoto dopo l’ennesima ora senza trovare nulla di concreto.

Questa struttura di gioco pensata per Palworld può piacere? Certo, tutto può piacere come tutto può non piacere, ci mancherebbe altro, però è un modo molto rudimentale di creare un Open World ed è molto più rudimentale di quanto visto anche su Pokémon Scarlatto e Violetto. Alt! Lo so che il budget è diverso, era la premessa, ma allora si ritorna al discorso fatto circa 2 anni fa con Biomutant.

Alle prime armi con i giochi del momento e non solo? Non perderti le nostre Guide per Nabbi

Se non puoi fare qualcosa non la fare, fai quello che è alla tua portata e fallo al meglio delle tue possibilità. Se io non so fare le torte e domani invito a cena i miei amici facendogliene una complicatissima, non è che se poi mi dicono che mi è uscita male gli posso rispondere “eh però era molto difficile”, è mia premura preparar loro qualcosa che so cucinare bene così che mangino nel miglior modo possibile.

Il discorso si applica a ogni contesto, soprattutto a quelli nei quali il prodotto o il servizio lo vendi. Palworld è un Open World pieno di bug, senza una direzione realmente chiara e in generale dà l’idea di un prototipo di Unreal glorificato. Fortunatamente il gameplay in sé non è male, si lascia giocare perché il feedback dato dalle azioni e soprattutto la progressione sono di buonissimo livello, per quello io ho fiducia. Palworld non è un brutto gioco, è un buon gioco che ad oggi gode di una realizzazione tecnica mediocre, non grafica perché comunque è difficile cannare la grafica con Unreal Engine però come solidità, con Intelligenza Artificiale a tratti impresentabile e tanti, troppi bug.


palworld
Fonte (Pocket Pair)

Palworld va solo aggiustato, e con 12 milioni di copie vendute (abbinate a circa 30 euro di listino) diciamo che i soldi per aggiustarlo ora ci sono, a patto che lo si faccia. Volete veramente superare Pokémon? Allora non ricadete negli stessi errori, anche solo nel vostro piccolo, perché il potenziale per mettergli pepe… lì c’è eccome!


Ricordati di seguirci su Instagram per non perderti i prossimi speciali, trovi gli ultimi articoli usciti qui sotto.

Chi l'ha scritto?

Alessio Fuscà

Videogiocatore incallito da 17 anni, gioco al VGC di Pokémon dal 2017 e sono alla mia seconda qualificazione ai Mondiali di seguito. I videogiochi sono la mia passione e nella vita faccio il Game Designer come lavoro principale.