GDR News

Cyberpunk 2077 e BLM:”La nostra non è politica”

cyberpunk 2077 arte no politica dichiarazione designer

CD Projekt RED ha deciso di prendere una posizione precisa per quanto riguarda il Black Lives Matter. Nel caso non sappiate cosa sia, il BLM è un movimento esistente da anni, ma che ha ricevuto molti sostenitori (famosi e non) dopo la tragica morte dell’afroamericano George Floyd.

La domanda è: cosa collega la software house polacca e il Black Lives Matter? Cyberpunk 2077. Sì, perché il titolo in uscita a novembre è una critica alle disuguaglianze, e detta così sembra che il movimento e il videogioco siano collegati. E forse uno ha influenzato l’altro. A proposito di questo, uno dei designer di Cyberpunk 2077 ha dichiarato: «La nostra è arte, non una dichiarazione politica».

Il Black Lives Matter influenzerà Cyberpunk 2077?

Durante un’intervista con il sito polacco Spider’s Web, il designer Pawel Saski ha dichiarato che il movimento Black Lives Matter (spesso abbreviato BLM) non avrà alcun tipo d’influenza su Cyberpunk 2077.


Ecco le parole del designer: «Ciò che è importante e l’aver registrato già il gioco a questo punto, anzi, l’abbiamo fatto da tempo, ormai. Siamo ormai alle battute finali dello sviluppo, ed è un momento dove non tocchiamo nulla per quanto riguarda la storia: né aggiungiamo, tanto meno rimuoviamo parti. Gli eventi di cui stiamo parlando ora [legati al Black Lives Matter, ndr] sono avvenuti poco fa».

In secondo luogo, Pawel Sasko ha poi parlato di cosa significano la serie dedicata a Geralt e il nuovo gioco in uscita «per noi Cyberpunk 2077 e The Witcher sono titoli che mostrano la filosofia del nostro studio. Il gioco sulla quale stiamo lavorando ora è fatto per intrattenere molte persone, certo, ma per noi è anche arte – un qualcosa che mostra la nostra visione. È difficile immaginare che gli eventi accaduti ci costringano a cambiare alcuni elementi della trama, solo per non toccare certi argomenti.

Alla fine, il designer di CD Projekt RED ha spiegato che l’uguaglianza all’interno dello studio c’è sempre stata «Come studio, noi cerchiamo di amalgamare quante più persone diverse possibile, così da avere una visione diversa su politica, religione, spiritualità e vita. Anche per quanto riguarda l’orientamento sessuale».

cyberpunk 2077 pawel sasko dichiarazione arte non politica
Anche se avrà momenti leggeri, la cupezza è la protagonista del titolo! – Fonte (cyberpunk.net)

Parole davvero interessanti, quelle di Pawel Sasko. Vedremo se Cyberpunk 2077 riuscirà davvero a trattare argomenti sensibili senza essere giudicato negativamente.


Voi che ne pensate? Secondo voi è giusto così? Oppure dovrebbero cambiare determinati argomenti per non urtare la sensibilità di nessuno? Così facendo, non si andrebbero a castrare tutte le storie, in nome di qualcosa che alla fine non potrà mai accontentare tutti? Fateci sapere cosa ne pensate con un commento qui sotto!


Chi l'ha scritto?

Angela Pignatiello

Classe '97. Nata e cresciuta con la Metal Gear Solid saga, amo giocare a quasi tutto ciò che mi capita sotto mano. Analizzo tutto ciò che avviene all'interno del mercato videoludico e il suo core: i videogiochi.