Autobattler TFT

TFT Giudizio: come giocare Garen e Darius

LoL Campioni Garen Dio Re tft set 5

Garen e Darius sono i due grandi protagonisti di TFT Giudizio. Il quinto set dell’autobattler di LoL è costruito interamente intorno alla lotta tra Bene e Male, di cui i due toplaner sono rappresentanti.

Garen e Darius, però, non sono solo nemici: condividono un tratto all’interno di TFT Giudizio, “Dio Re“, che vanta una meccanica molto peculiare. Entriamo nel dettaglio per scoprire quali composizioni accostare all’uno e all’altro campione nel quinto set di Teamifight Tactics.

TFT Giudizio: il tratto “Dio Re”

TFT Giudizio introdurrà diverse nuove meccaniche di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi: Teemo rubavita e gli Shadow Items in primis ma anche una valanga di nuovi tratti e campioni.


Tra questi nuovi tratti, uno su tutti merita un po’ più di attenzione: il “Dio Re” di cui fanno parte i soli Garen e Darius. Ti chiedi perché? Te lo spiego subito.

Come abbiamo visto nell’articolo guida a tutti i nuovi campioni di TFT Giudizio, i campioni “Dio Reinfliggono il 20% di danni bonus ai loro tratti rivali che variano a seconda del Dio Re che schieri.

  • Garen (Portatore dell’Alba, Cavaliere, Dio Re): infligge il 20% di danno in più ai seguenti tratti: Dimenticato, Portatore della Notte, Congrega, Demonietto, Ammazzadraghi, Abominio e Redivivo.
  • Darius (Portatore della Notte, Cavaliere, Dio Re): infligge il 20% di danno in più ai seguenti tratti: Redento, Portatore della Luce, Rigoglioso, Draconico e Corazzato.
draven-lol tft set 5
Draven subisce più danni da Garen ma può essere un carry perfetto in squadra con Darius! – Fonte (Riot Games)

TFT Giudizio: come giocare Garen e Darius

Darius e Garen, quindi, fanno più danni a certi tratti. Come sfruttare questa meccanica a tuo vantaggio?

Anzitutto, partiamo dalle basi. Il bonus Dio Re ti dà sempre un ottimo motivo per schierare uno dei due toplaner.

Indipendentemente dalla composizione della tua squadra, ti converrà utilizzare uno dei due per arginare almeno uno dei tuoi avversari che, per forza di cose, avrà alcuni dei tratti succitati nei suoi ranghi.


Questo significa che dovrai schierare sempre e comunque uno tra Darius e Garen? Ovviamente no. A seconda della partita, potresti aver bisogno di un campione piuttosto che uno di questi due e a quel punto conviene lasciarli perdere.

Tuttavia, il bonus Dio Re ti offre sempre un buon motivo per averli in team e questo significa che buildare una comp per farli brillare può essere un ottima strategia di vittoria.

Passiamo dunque alle composizioni ottimali per l’uno e per l’altro.

  • Garen: la potenza di Demacia è un Portatore dell’Alba e un Cavaliere. Conviene puntare su questi due tratti per costruirsi una frontline solida e una backline di supporto.

    Campioni consigliati: Soraka (Portatore dell’Alba Rinnovatore), Karma (Portatore dell’Alba Evocatore), Kayle (Rigoglioso Redento Legionario), Taric (Rigoglioso Cavaliere), Riven (Legionario, Portatore dell’Alba).

    Con questi 5 campioni si ottengono 4 sinergie: 4 Portatori dell’Alba, 2 Cavalieri, 2 Rigogliosi e 2 Legionari. A seconda della partita si può poi decidere di espandere l’una o l’altra sinergia.
  • Darius: la mano di Noxus è un Portatore della Notte e un Cavaliere. Discorso simile a quello di Garen: una frontline solida (con i Cavalieri) e una backline di supporto e danno dalla distanza.

    Campioni consigliati: Aphelios (Portatore della Notte Cacciatore), Thresh (Dimenticato Cavaliere), Draven (Dimenticato Legionario), Vayne (Dimenticato Cacciatore), Yasuo (Portatore della Notte Legionario) e Morgana (Portatore della Notte Congrega Mistico).

    In questo caso si otterrebbero 5 sinergie: 4 Portatori della Notte, 3 Dimenticati, 2 Cavalieri, 2 Legionari e 2 Cacciatori. Anche queste estendibili a seconda della partita.

Hai già provato Garen e Darius nel Set 5 di TFT? Scrivicelo qui sotto con un commento!

Chi l'ha scritto?

Tommaso Ballarini

Appassionato di esport e sport, ha trovato in nabbi.it il luogo adatto per trattare i moltissimi titoli esport che segue.