Autobattler TFT

TFT comp: le migliori combo della 11.2

Samira tft comp

Ogni aggiornamento la stessa storia: quali sono le nuove TFT comp migliori?
Il Festival delle Belve non fa eccezione: le tantissime novità dell’update di metà set hanno rivoluzionato tutte le gerarchie e i giocatori sono spaesati come non mai.

Se non sai che pesci pigliare, sei nel posto giusto. Oggi analizzeremo le migliori 4 TFT comp del momento, soffermandoci su item, Prescelti e tutte le caratteristiche di ogni composizione.

Non preoccuparti per l’ordine in cui sono presentate: in quanto a forza, le 4 composizioni sono tutte allo stesso livello!


TFT comp: spazio ai Carnefici

La prima TFT comp che presentiamo è legata a uno dei nuovi tratti introdotti con l’ultimo aggiornamento (abbiamo scritto un articolo sul Festival delle Belve), i Carnefici. Per sfruttare al massimo questa strategia, devi riuscire ad ottenere una tra Xayah, Kayle e Kindred in versione Prescelto con il tratto Carnefice potenziato, giungendo al bonus delle 4 unità (danno critico a tutti i nemici sotto il 99% di salute!).

Gli altri campioni forniscono sinergia ai tratti dei tre carry (principalmente Divino e Spirito) e completano la comp garantendo un po’ di stabilità.

  • Campioni: Jax, Irelia, Kindred, Yuumi, Kayle, Shen, Xayah, Lee Sin.
  • Prescelto: Carnefice, uno tra Xayah, Kindred e Kayle.
  • Oggetti: Kindred, Xayah e Kayle sono i tre carry principali. A seconda del livello delle unità e dello stato della partita, puoi decidere di mettere più risorse in uno o nell’altro ma assicurati, in ogni caso, di avere un campione ben buffato con oggetti come Furia di Guinsoo o Archibugio a Ripetizione.
  • Andamento della partita: questa TFT comp non soffre troppo l’early o il late game. Nelle prime fasi del match, rifornisciti di Jax, Irelia, Yuumi e Kindred ed assicurati di essere in posizione per prendere i campioni da quattro stelle al carosello. Per una transizione al midgame meno dolorosa, puoi fare affidamento su Nasus e Wukong.
xayah-rakan-elderwood
Se trovi Xayah presto, puoi affiancarle Rakan e un altro campione di Bosco Antico – Fonte (Riot Games)

TFT comp: Shyvana alla guida dei Combattenti

Un’altra nuova arrivata del Festival delle Belve si prende la scena: Shyvana. La TFT comp dei combattenti è incentrata proprio sul Mezzo-Drago (per cui arriveranno buff anche su LoL), capace di tankare danni come un combattente ma infliggerne altrettanti con il suo attacco dalla distanza.

La strategia della composizione è molto semplice: ammassare più Combattenti possibili fin dalle fasi iniziali della partita e mettere risorse nelle mani di Shyvana (Furia di Guinsoo, Uragano di Runaan ecc.) per permetterle di infliggere danni ingenti.

  • Campioni: Maokai, Tahm Kench, Vi, Nunu, Shyvana, Cho’Gath, Ornn, Sett
  • Prescelto: Combattente, uno qualsiasi (obbligatorio per arrivare al bonus massimo del tratto).
  • Oggetti: Shyvana per il reparto offensivo (anche Sett in late) e un po’ tutti gli altri per quello difensivo.
  • Andamento della partita: fino all’arrivo di Shyvana questa composizione ha pochi danni ma puoi utilizzare l’early game per accumulare più combattenti di basso livello possibili e metterti in posizione per l’ottenimento di campioni fondamentali al carosello (come Cho’Gath o Sett). Teoricamente la composizione richiede anche Ornn (un secondo campione da 5 stelle). In caso tu non riesca a trovarlo, puoi sempre ripiegare su un altro Bosco Antico (come Xayah) che ti garantisce la combo con Nunu e Maokai.

TFT comp: Duellanti sulla scacchiera

Se i Combattenti non ti piacciono e anzi, vuoi distruggerli, affidati ai Duellanti. Questa composizione ha un early game di tutto rispetto e, seppur faccia un po’ di fatica nelle fasi centrali della partita, si riprende con decisione verso la fine.


Per completarla, a dispetto del nome, non devi avere tutti i Duellanti del gioco. Lascia stare Tryndamere (lo riprenderemo dopo) ma assicurati tutti gli altri, uno dei quali dovrà essere Prescelto per arrivare al bonus di 6 unità (40% di velocità d’attacco per carica).

  • Campioni: Fiora, Yasuo, Jax, Kalista, Janna, Shen, Lee Sin e Yone
  • Prescelto: Duellante, uno qualsiasi.
  • Oggetti: teoricamente Kalista è il tuo carry principale e gli oggetti offensivi migliori (Furia di Guinsoo e Uragano di Runaan) dovrebbero andare nelle sue mani. Come sempre, però, di partita in partita aggiusta le risorse in base ad avversari e situazione.
  • Andamento della partita: con due campioni di livello 1 e due di livello 2, questa comp può fare disastri in early game. La transizione al late game, invece, deve essere tutta incentrata nella ricerca e nel potenziamento di Kalista. Tra Lee Sin e Yone, infine, il più importante è il secondo (sinergia con Yasuo e Shen) ma sarebbe meglio averli entrambi.
yone sfondo lol
Yone sarà la tua arma finale! – Fonte (Riot Games)

TFT comp: i Signori della Guerra

Dulcis in fundo, i Signori della Guerra, un tratto molto giocato fin dall’inizio del Set 4 e ancora più popolare nel Festival delle Belve.

Il motivo? Un nuovo innesto: Tryndamere. Il suo duplice tratto secondario di Uccisore e Duellante apre le porte a combinazioni molto interessanti con Samira e Lee Sin.

La composizione che presentiamo oggi propone proprio queste nuove combo, unite ad una core di Signori della Guerra.

  • Campioni: Nidalee, Jarvan, Pyke, Katarina, Tryndamere, Azir, Lee Sin e Samira.
  • Prescelto: Signore della Guerra, uno qualsiasi (necessario per raggiungere il bonus di 6 unità).
  • Oggetti: Katarina è un carry dall’altissimo potenziale. Se riesci a dargli Guardian Angel e Argento Vivo, diventa un pericolo per tutte le backline. Altrimenti ripiega su Azir, Tryndamere e Samira.
  • Andamento della partita: sebbene la composizione abbia tre campioni da 5 stelle, non dovresti soffrire troppo nelle fasi iniziali e centrali di partita con Garen a sostituire momentaneamente Azir. Tra i tre campioni a 5 stelle, il più sacrificabile di tutti è Lee Sin. Se non riesci a trovarlo, ripiega su un altro Duellante per garantire il bonus a Tryndamere.

Quattro TFT comp per scalare la ladder dovrebbero bastarti! Scegli di partita in partita la combinazione più adatta, basandoti anche sugli acquisti degli avversari e preparati ad adattare la tua composizione: non sempre le cose vanno come progettato.

Per maggiori informazioni sul Festival delle Belve, consulta le patch notes di Riot Games.

Chi l'ha scritto?

Tommaso Ballarini

Appassionato di esport e sport, ha trovato in nabbi.it il luogo adatto per trattare i moltissimi titoli esport che segue.